RssRssInstagramInstagramPinterestPinterestTwitterTwitterFacebookFacebook
Tu sei qui: Secondazampa/La bambina che riceve regali dagli uccellini

La bambina che riceve regali dagli uccellini



Gabi Mann è una bambina speciale, cari umani.

Ogni giorno nutre degli uccellini nel giardino della sua casa di Seattle, e loro la ricompensano con dei piccoli regali.

_81210316_gifts-purple-624

Tutto comincia nel 2011 quando Gabi, che allora aveva quattro anni, era tornata da un viaggio in auto con i genitori.

Scesa dalla macchina le cade dalle mani una pepita di pollo che stava mangiando. Un corvo in picchiata si precipita a dare un morso al tozzo di cibo, fermandosi poi a guardarla, attendendo di poter dare un altro morso.

_81210318_crowonfeeder-624

Con il passare degli anni Gabi ha iniziato a dar da mangiare regolarmente agli uccelli nel suo giardino, costruendo delle piccole uccelliere nelle quali ripone il cibo. Per ringraziarla, i volatili hanno preso a portarle dei piccoli regali, che Gabi ha iniziato a collezionare e riporre in una scatola che è ora diventato il suo tesoro più prezioso.

_81210317_gifts-in-boxes-624

Da piccoli orecchini a bottoni, da spillette a biglie, una piccola lampadina, una pietra, una vite, una graffetta.

Tutto è catalogato con data e giorno del regalo e gelosamente custodito anche dalle grinfie del fratellino più piccolo al quale ripete di continuo «Non toccare», per poi abbracciarlo e ridere insieme. L'oggetto a cui tiene di più è una perlina a forma di cuore: «Me l'hanno portata perché mi amano», dice la piccola.

Alla madre di Gabi, Lisa, non importa che i corvi praticamente consumino la maggior parte della merenda che lei confeziona: «Mi fa piacere che lei impari ad amare gli animali e che abbia voglia di condividere».

_81210320_gabiyoungwithlisa624

Ogni giorno riempiono di acqua fresca una vaschetta e ricoprono di mangime e noccioline un piccolo contenitore, per poi chiamare a voce alta i corvi appollaiati sui cavi del telefono sopra la loro casa. Dopo aver mangiato tutto il contenuto delle vaschette posizionano un regalo al suo interno. Un giorno le hanno lasciato una targhetta con su scritto “migliore”: «Non so se hanno conservato loro la parte in cui è scritto “amica”» ride Gabi, divertita dal pensiero di un corvo con un braccialetto.

_81210319_birdbath624

John Marzluff, professore di botanica all'università di Washington, ha studiato il rapporto dei corvi con gli esseri umani, prendendo a esempio il caso di Gabi.

Insieme al suo collega Mark Miller, ha scoperto che i corvi hanno una relazione molto forte con le persone che li nutrono: «È sicuramente una comunicazione a doppia via quella che intercorre, capiscono i segnali l'uno dell'altro».

Gli uccelli comunicano attraverso il modo in cui volano, come camminano e dove siedono. Gli umani imparano il loro linguaggio e i corvi, allo stesso tempo, i comportamenti e la postura di chi li nutre.

Fonte: Il messaggero e Bbc

Potrebbe interessarti anche...

Leave your comment

Your Name(required)
E-Mail(required)
Website
Authorization code from image(required)


*

Message(required)

Secondazampa su Instagram
Gli ultimi tweets
2525followers
26190tweets
Il colpevole Denver

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, clicca su "Accetta" per permettere il loro utilizzo. Continuare con la navigazione implicherà automaticamente l'accettazione dell'utilizzo dei cookie.

Chiudi