RssRssInstagramInstagramPinterestPinterestTwitterTwitterFacebookFacebook
Tu sei qui: Secondazampa/Inferno Sicilia: dove i cani muoiono

Inferno Sicilia: dove i cani muoiono

Questa volta, caro Popolo, la mia presidenziale comunicazione è di denuncia, rabbia e vergogna per voi esseri umani.

Mi hanno scritto dalla Sicilia, inviandomi molto, troppo materiale relativo alla sconvolgente situazione che dilaga in quella ma anche in altre regioni del Sud Italia.

Questa non è discriminazione geografica.
E' allarmante denuncia del dilagante problema del randagismo che affligge alcune regioni più di altre.

Sono gli stessi eroici volontari siciliani che ci hanno chiesto con rabbia e commozione di dare voce alla loro tragedia, ignorata da tutti.


Io sono solo un cane, e dunque non conto molto di più di quelli che vedrete nelle foto che seguono.

Ma posso dirvi, cari umani, che questa assenza di compassione non vi fa onore.

Posso dirvi che il silenzio rende complici.

Che il mondo non è solo vostro, ma di tutti gli esseri viventi che lo abitano.

Questi cani e i pochi umani che si adoperano per aiutarli, hanno bisogno di aiuto.

E non parlo solo di aiuto economico, ma di aiuto nella condivisione di una tragedia.

Affinché chi di dovere faccia qualcosa.

Affinché si promuovano le sterilizzazioni e affinché sempre più gente, invece di acquistare i cani, li adotti nei canili.

Ecco alcune immagini ricevute dai volontari locali, eroi sconosciuti che nessuno mai premia; le pubblichiamo così.

Ieri 2 febbraio c'è stato un sit in di protesta a Monreale, segno che a poco a poco, le cose dovranno cambiare.

Fonte: Album completo di Facebook

 

4 comments

  • Posted 6 years ago

    Caro Presidente,
    Questa è la prima volta che ti scrivo da quando mi sono iscritta al tuo sito.
    Ti posso dire che le immagini che ho visto qua mi hanno fatto piangere. Davvero. Scusami il tono ma è veramente uno schifo.. le persone che vedono e non fanno niente non sono nemmeno degne di essere chiamate persone.
    Io purtroppo abito lontano, troppo lontano per fare qualcosa in Sicilia, ma ti posso assicurare che nel mio piccolo faccio qualcosa. Il mio cagnolino l’ho trovato in una balla di fieno e ora, pensa, mangia le fette biscottate come te.
    Appena riesco faccio offerte alle associazioni che si occupano di voi meraviglie a 4 zampe e fino ad ora ho nutrito, asciugato e coccolato tutti gli animaletti che hanno bussato alla mia porta… Ho cercato di fare denuncia di ciò che non andava. Ho seppellito chi non ce l’ha fatta nonostante i miei sforzi. Lo so, è poco, e non ti ho scritto per farmi pubblicità, ma solo per dirti che fortunatamente ci sono anche le persone buone al mondo. Però sono poche, troppo poche. Scusa tanto lo sfogo. Auguro ogni bene a te e a tutta la tua famiglia, a 2 e a 4 zampe. Ora ho bisogno di andare ad abbracciare Zeus.

    by Ambra on febbraio 3, 2014 2:10 pm | Rispondi
  • Posted 6 years ago

    Mio malgrado devo dire che quella delle foto è solo la punta dell’iceberg, qui in Sicilia il randagismo è una piaga assoluta. La maggior parte dei comuni non ha i canili sanitari o comunque ha servizi veterinari inadempienti (tradotto significa niente sterilizzazioni e assoluto pressapochismo), le convenzioni con i privati sono agli sgoccioli e i rifugi delle associazioni sono al collasso. Tutto questo per dire che la vita di un animale è meno di niente. Non dimenticherò mai che una volta per aver rimproverato un netturbino che brandiva una scopa contro un cagnolino che abbaiava mi hanno offesa dandomi prima della zitella e poi dell’intellettuale. La stessa cosa vale per le forze dell’ordine, molto spesso denunciare agli organi competenti abbandoni, ritrovamenti o scomparse è una barzelletta, il volontario è visto come una spina nel fianco. Nel comune in provincia di Palermo in cui vivo ormai la cittadinanza convive con branchi di randagi e la situazione sanitaria è del tutto fuori controllo per cui gli avvelenamenti sono all’ordine del giorno. Buon senso e civiltà aiuterebbero però il problema dovrebbe essere affrontato seriamente dai comuni che però hanno conti in rosso e probabilmente – mi duole dirlo – nessun interesse alla faccenda.

    by Giovanna on febbraio 4, 2014 12:30 am | Rispondi
  • Posted 4 years ago

    Sono passati 2 anni…E non è cambiato niente …anzi …combattimenti abusivi ….randagi da per tutto …..gente che ignora …Noi fino ad oggi abbiamo salvato 31 randaggi. Ma abbiamo raggiunto un numero massimo che possiamo aiutare. …Non c’è Dove chiamare …Dove chiedere aiuto . I cani randagi vengono usati come “per scaldare ” cani da combatimento. Mi chiedo ma siamo in Europa ?siamo nel 2016 ?….Oltre i cani abbiamo anche 15 gatti. ..Se dovrei descrivere storia di ognuno. .Non mi basterebbero le parole. …..

    by Monika Szitasova on agosto 7, 2016 1:59 am | Rispondi
  • Posted 4 years ago

    E’ un’indecenza, e’ una vergogna che ancora oggi succedano questi fatti contro il miglior amico dell’uomo. Guardate i cani del soccorso che salvano vite sotto le macerie del terremoto e come si fa’ ad essere cosi’ crudeli con questi poveri animali.

    by Roberta on agosto 28, 2016 12:23 am | Rispondi

Leave your comment

Your Name(required)
E-Mail(required)
Website
Authorization code from image(required)

*

Message(required)

Secondazampa su Instagram
Sorry:

- Instagram feed not found.
Gli ultimi tweets
2511followers
26687tweets
  • Ecco la prima donazione a favore dei cani reclusi grazie alle vendite di “Portami con te”! Grazie a tutti voi! Se… https://t.co/9vNh9sFzaS
    June 30, 2019, 7:48 pm
  • Cercano casa! https://t.co/Mbj4vzZs4p
    June 30, 2019, 6:59 pm
  • Popolo di Secondazampa, non sapete ancora a chi donare il vostro 5x1000 quest'anno? La risposta è semplice: Acl Onl… https://t.co/3Z7PtvCn8s
    April 8, 2019, 3:12 pm
Il colpevole Denver

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie, clicca su "Accetta" per permettere il loro utilizzo. Continuare con la navigazione implicherà automaticamente l'accettazione dell'utilizzo dei cookie.

Chiudi